I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Per saperne di più...

Accetto

LO SVILUPPO TURISTICO

SVILUPPO TURISTICO
 

 

Fu così che nel 1905, dopo la scoperta del terzo ingresso avvenuta a fine Ottocento, vennero iniziati i lavori per la realizzazione di rampe di scale che dall’apertura portassero al fondo della caverna. Il 5 luglio del 1908 la Grotta Gigante fu solennemente aperta al pubblico, illuminata da migliaia di candele, fanali ad acetilene e fiaccole, mentre dalla volta venne calato un gigantesco lampadario a 100 fiamme, il tutto accompagnato dalla musica della banda cittadina, che suonò un brano del “Sigfrido”.

 Dopo la fine della Grande Guerra e il passaggio della Venezia Giulia all’Italia, nel 1922 la proprietà della Grotta Gigante passò alla Società Alpina delle Giulie, divenuta nel frattempo Sezione di Trieste del Club Alpino Italiano. Nello stesso anno la Commissione Grotte della Società Alpina delle Giulie ottenne in proprietà anche le “Grotte del Timavo a San Canziano”, per la cui gestione impegnò ingenti risorse.

 Dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale e la conseguente perdita di quasi tutta la Venezia Giulia, rimase in territorio italiano la sola Grotta Gigante. A partire dal 1949 il gruppo speleologico denominato Commissione Grotte “Eugenio Boegan” della Società Alpina delle Giulie (sezione di Trieste del Club Alpino Italiano), con un lungo e faticoso lavoro promozionale, portò la Grotta Gigante nel ruolo di più importante cavità turistica del nordest italiano.

 Nel 1957 la Grotta Gigante fu dotata del primo impianto elettrico, che svelò finalmente nuove prospettive e particolari dell’immensa volta. 

 

Nel 1970  iniziarono i lavori del grandioso progetto per la costruzione del sentiero di risalita lungo la parete opposta alla discesa turistica, con lo scavo della galleria artificiale e il raggiungimento dell’Ingresso Alto. Il percorso, realizzato grazie ai contributi della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, è stato inaugurato nell’autunno del 1996.

 

Dal 1994 la Grotta Gigante è iscritta all'Associazione Grotte Turistiche Italiane (AGTI).

 
Nel 1995 la Grotta Gigante è stata iscritta nel Guinness dei Primati come “Cavità Turistica più grande del mondo”.
 
Dal1996 la Grotta Gigante è iscritta all'International Show Caves Association (ISCA).

Nel 2005 è stato inaugurato l’attuale Centro Accoglienza Visitatori che ospita la biglietteria, gli spazi didattici e il Museo Speleologico (che ospita al momento mostre tematiche).

 

Nel 2009 è stato inaugurato il nuovo impianto di illuminazione, a sostituzione di quello installato negli anni Ottanta.

 

 

 

Per quanto concerne la normativa  relativa alla turisticizzazione degli ipogei siano questi naturali o artificiali (grotte, miniere,  fortificazioni militari ecc.) deve essere rispettata  la sicurezza tanto dei visitatori quanto del personale addetto alla gestione ed accompagnamento dei visitatori. In Italia sono state varate precise leggi che fanno riferimento alle normative europee ed internazionali relative non solo agli impianti elettrici ma anche alle opere strutturali, all’impianto di evacuazione e comunicazioni interne, ai monitoraggi dell’aria che viene respirata negli ipogei  in pratica alla sicurezza da adottare in ambienti  la cui destinazione d’uso è assimilabile ad un ambiente adibito a pubblico spettacolo. Di seguito si forniscono specifiche e riferimenti legislativi.  NEW!